Condividi: Di Lucio Riccetti
Lucio Riccetti

Lucio Riccetti studia da anni la storia della città di Orvieto in un arco cronologico compreso tra XII e XV secolo, con ampie tematiche che tengono conto degli aspetti socio-politici e culturali. Da qualche anno si dedica alla storia del collezionismo internazionale.
Nella sua vasta produzione scientifica, particolare attenzione è riservata alla storia del Duomo con risultati ed apprezzamenti anche in ambito internazionale (Villa I Tatti, National Gallery of Art, Washington DC -CASVA, Frick Collection - Center for the History of Collecting in America).
Tra i numerosi lavori si segnalano: Il Duomo di Orvieto (Laterza, 1988); La città costruita. Lavori pubblici e immagine in Orvieto medievale (Le Lettere, 1992); Opera. Carattere e ruolo delle fabbriche cittadine fino all’inizio dell’età moderna (in collaborazione con Margaret Haines, Olschki, 1996). Recentemente ha ideato e curato le mostre 1909. Tra collezionismo e tutela. Connoisseur, antiquari e la ceramica medievale orvietana. J. Pierpont Morgan, Alexandre Imbert e la ceramica medievale orvietana (Perugia, Galleria Nazionale dell’Umbria - Palazzo Baldeschi al Corso, 7 novembre 2009 - 11 gennaio 2010) e 1909. Tra collezionismo e tutela. Connoisseur, antiquari e la ceramica medievale orvietana. Il ritorno della collezione Imbert a Orvieto (Orvieto, Museo Archeologico Nazionale, 13 marzo - 6 giugno 2010), i cui materiali scientifici sono confluiti nel volume 1909 Tra collezionismo e tutela. Connoisseur, antiquari e la ceramica medievale orvietana (Firenze, 2010).
Alexandre Imbert e J. Pie...
Il collezionismo della ma...